Vincent van Gogh

Vincent van Gogh

(Zundert 1853 – Auvers-sur-Oise 29 luglio 1890)

 

La vita di questo grande artista olandese fu tragica come la sua arte. Sembra che fin dall’infanzia avesse una vita psichica inquieta, resa tale anche dal rapporto difficile fra lui e i genitori, che un anno prima della sua nascita avevano perduto un figlio dello stesso nome. La sua vocazione artistica fu tardiva. Impiegato sin dall’età di sedici anni, per raccomandazione di uno zio mercante d’arte, presso A. Goupil, editore e mercante di quadri, prima all’Aia e poi a Londra e a Parigi (1869 -1876), ebbe una crisi di misticismo che lo spinse a studiare teologia per due anni e a svolgere un periodo di apostolato presso i minatori del Borinage.

 

Nel 1881 decise di dedicarsi alla pittura; e in meno di dieci anni d’intenso lavoro produsse un numero molto rilevante di opere, che operarono una profonda rivoluzione nella cultura artistica europea. Le prime opere, potenti nel modellato e nell’uniforme tonalità scura, rivelano l’influsso delle aspirazioni umanitarie di J.-F. Millet, che però in lui si fanno più profonde e tormentate. Nel 1886 si stabilì a Parigi, vide la pittura degli impressionisti e l’arte giapponese e trasformò radicalmente il suo stile. La sua pittura si schiarì, mirò a effetti di luce abbagliante, si servì quasi esclusivamente di colori puri; ma dai temi e dai motivi dell’impressionismo si staccò decisamente, rinunciando a ogni suggestione naturalistica e facendo del colore mezzo dell’espressione immediata, della sua interna passione. Diventato in seguito amico di P. Gauguin, van Gogh lavorò con lui ad Arles nel 1888; ma sul finire di quell’anno, colpito da una crisi, fu ricoverato nel manicomio di Saint-Rémy. Continuò tuttavia a lavorare, in uno stato di tensione allucinata. Sono di quel periodo oltre ai ritratti dell’Arlésienne, del Dott. Gachet, ecc., alcuni tra i suoi più accesi paesaggi e tra le sue più violente pitture di fiori. Dimesso dal manicomio, in una più grave ricaduta del suo male si uccise. Oltre ai molti autoritratti, ritratti, paesaggi, interni e nature morte, in cui all’estrema violenza del colore si associa una tormentosa e quasi allucinata deformazione dell’immagine, van G. lasciò molti disegni e incisioni.

 

Grandissima fu la sua influenza sugli sviluppi dell’arte europea: in Francia sui movimenti post-impressionisti e su i Fauves, in Germania, per l’origine dell’espressionismo. L’arte di van Gogh, come tipica e drammatica espressione del crescente contrasto tra il mondo interno e il mondo esterno, tra spiritualità e realtà oggettiva, è anche da considerarsi come il primo indizio della crisi che portò all’arte di pura espressione, indipendente da ogni funzione rappresentativa. Importantissima, per la comprensione della personalità di van Gogh, la raccolta delle sue lettere al fratello Théo pubblicata nel 1913. In vita van Gogh vendette un solo quadro; a parte alcuni doni ad amici artisti, tutti gli altri suoi dipinti appartennero al fratello e sono oggi in gran parte conservati ad Amsterdam, nel museo a lui intitolato.

© 2018 - Impressionisti a Catania