Émile Bernard

 

Émile Bernard

(Lille 1878, Parigi 1941)

 

Nel 1884 cominciò a frequentare l’atelier di Fernand Cormon, esperienza che si rivelò felicissima per il suo lavoro, perché lì, incontrò Henri de Toulouse Lautrec e Vincent Van Gogh, coi quali strinse una duratura e sincera amicizia; ma soprattutto conobbe Paul Gauguin, destinato ad avere un ruolo importante nella sua vita. Con loro, che esponevano nel Café du Tambourin, Bernard costituì il gruppo dei “Pittori del Petit-Boulevard”, nato per distinguersi dal gruppo dei “Pittori del Grand-Boulevard” che esponevano nella galleria di Theo Van Gogh, fratello di Vincent.

Poco tempo dopo, mentre Van Gogh partiva per Arles, Bernard decise di stabilirsi in Bretagna nel villaggio di Pont-Aven. Lì ritrovò Paul Gauguin, e conobbe Emile Schuffenecker, Paul Sérusier, Meijer de Haan, Charles Laval e altri, dando vita alla cosiddetta Scuola di Pont-Aven, le cui ideazioni, in netto distacco dall’Impressionismo, furono alla base del Cloisonnisme e del Sintetismo.

 

La loro non era più una pittura fondata sulla visione reale, ma una pittura “di memoria”, basata sui ricordi e le impressioni suscitate, con i soggetti racchiusi da una linea scura, come nelle vetrate delle cattedrali gotiche. Fonti d’ispirazione, oltre all’arte medievale, furono sicuramente l’arte giapponese e gli oggetti primitivi, provenienti perlopiù dalle colonie francesi dell’Oceania.

Bernard e Gauguin, nonostante la grande differenza d’età (20 anni), furono l’anima del gruppo, influenzandosi a vicenda nella produzione non solo di quadri, ma dei più svariati oggetti artistici: ceramiche, vasi scolpiti, legni dipinti, affreschi, arazzi… Le loro ricerche formali trainarono il gruppo verso il primo, importante traguardo: la mostra al Café Volpini a Parigi durante l’Esposizione universale del 1889 che, se fu quasi un insuccesso per le vendite, servì loro perlomeno a farsi un nome.

 

Nel 1893 accompagnò la sorella Madeleine, malata di tubercolosi, al Cairo e decise di stabilirsi in Egitto, dove rimase per 10 anni dipingendo opere “orientaliste” e dove sposò una libanese da cui ebbe cinque figli. All’inizio del XX secolo però, a causa di un tradimento di cui la moglie venne a conoscenza, fu costretto a lasciare la famiglia e a ritornare a Parigi, dove si risposò e continuò la produzione artistica, sempre imperniata sui principi sintetisti.

 

In un breve soggiorno ad Aix-en-Provence conobbe Cézanne. Bernard pubblicò diversi libri, fra cui un romanzo e un libro di poesie, con lo pseudonimo di Jean Dorsal, che Guillaume Apollinaire non mancò di apprezzare e di elogiare.

 

© 2018 - Impressionisti a Catania